La strana regola della Justice League di Superman ha effettivamente tenuto le donne fuori dalla squadra

La Justice League è la prima squadra di supereroi dell’Universo DC - ma l’inane regola di Superman sull’appartenenza alla Lega ha effettivamente escluso tutte le donne dalla squadra. L’Uomo d’Acciaio è noto per essere egualitario in tutte le questioni, il che naturalmente solleva domande sul perché avrebbe mai vietato alle donne di servire nella Justice League. La decisione ha tutto a che fare con una regola poco conosciuta che era intesa a diversificare i poteri e gli individui - ma è servita solo ad eliminare il 50% della popolazione dal diventare un membro della stimata Justice League.

Mentre i membri principali della Justice League sono ben noti ora - Superman, Batman, Wonder Woman, ecc - la squadra originale aveva un aspetto molto diverso (e non aveva nemmeno Superman nel roster quando era conosciuta come la Justice Society). La squadra aveva anche una regola molto particolare: per consentire la migliore varietà possibile di abilità tra i membri della squadra, Superman ha introdotto la regola “nessun potere duplicato”, il che significa che due membri della Lega non potevano condividere lo stesso set di poteri. Sfortunatamente, la regola prendeva ingiustamente di mira le donne.

La DC Comics (e anche la Marvel Comics) aveva l’abitudine di introdurre controparti femminili di eroi maschili già esistenti.  Gli scrittori di Superman alla fine portarono Supergirl, Batman introdusse una Batgirl nel roster dei personaggi, ecc. Poiché Supergirl possedeva tutti i poteri di suo cugino, le fu impedito di diventare un membro della Justice League. Lo stesso principio si applicava a Hawkgirl, dato che Hawkman era già nella squadra (non esisteva una vera ragione per cui gli eroi femminili adulti adottassero il suffisso -girl invece di quello -women, forse a parte il sessismo casuale e l’infantilizzazione endemica degli scrittori di fumetti degli anni ’60 e ’70).

Hawkman Hawkgirl Kingdom Come

Fortunatamente, l’ingiusta regola fu alla fine notata dagli scrittori della DC e un’intera storyline fu costruita intorno al concetto di ribaltare lo status quo “nessun potere duplicato”.  I poteri identici a quelli di Hawkman significano che Hawkgirl non potrà mai far parte del roster, e Superman stranamente rimane fermo quando viene affrontato (“La JLA è già vicina ad essere un esercito! Dobbiamo avere dei limiti!”). Tuttavia, alla fine della storia, Superman alla fine cede e Hawkgirl ha il permesso di unirsi alla Justice League.

Il gruppo non era così completo come lo è oggi. Infamemente, Wonder Woman si unì per la prima volta alla Justice League come segretaria della squadra. Per fortuna, la Justice League non ha più la regola di Superman che inavvertitamente proibiva alle donne di diventare membri della più grande squadra di supereroi della DC.

Imparentato

 Idee per l'arco di zucca - Imparare a fare un arco di zucca fai da te

Idee per l'arco di zucca - Imparare a fare un arco di zucca fai da te